News
11/02/2014 11.26 | Tutte | Indietro
FacebooktwitterYahoo BookmarksLinkedin
SOLOLAVORO

Avvocati, sciopero ad oltranza


Sciopero a oltranza degli avvocati di Cagliari. Il Consiglio dell’ordine ha infatti deliberato, a partire da oggi, l’astensione degli iscritti da ogni attività nelle udienze civili, penali, amministrative e tributarie, “fino a quando non saranno manifestati da parte del ministro della giustizia e del governo segni concreti di voler instaurare un confronto ed una concertazione con gli organi istituzionali e politici dell'avvocatura sulle riforme e i temi della giustizia”. L’iniziativa, senza precedenti all’interno della categoria, è stata presa dall’Assemblea generale straordinaria del Coa di Cagliari, il 7 febbraio scorso, e fonda i presupposti sul fatto che “il diritto di difesa costituzionalmente garantito sta subendo un attacco senza precedenti”. E che “anche gli ultimi provvedimenti governativi, presentati come di riforma del processo civile, confermano la oramai consolidata tendenza a comprimere sotto diversi profili i diritti costituzionali”. “In questo senso vanno, tra gli altri: l’introduzione di filtri discrezionali sull’ammissibilità delle impugnazioni, la mortificazione del principio costituzionale di motivazione dei provvedimenti giurisdizionali; la previsione di una responsabilità solidale dell’avvocato rispetto all’esito della causa”. Il Coa prende atto inoltre che “il ministro della giustizia ha disatteso ogni tentativo degli organi rappresentativi dell'avvocatura di intraprendere un dialogo, gli interventi sopra richiamati costituiscono l'unica risposta che il governo ha ritenuto di dover rendere ai cittadini, noncurante dei continui richiami della Corte europea dei diritti dell'uomo avverso la constata inefficienza ed inefficacia del sistema giustizia che, si ribadisce, impediscono di fatto l'effettiva tutela dei diritti dei cittadini, quali la dignità sociale e l'uguaglianza davanti alla legge, con riflessi negativi in merito al pieno sviluppo della persona”. L’Ordine invita quindi i colleghi a richiedere la cancellazione dalle liste del patrocinio a spese dello stato, invita i consigli degli ordini degli avvocati della Sardegna e tutti gli organi e organismi rappresentativi dell’avvocatura “a rassegnare, in segno di protesta, le proprie dimissioni”.

Lavoronews

Da oggi tutti in Cassa Forense

Cassa forense apre le porte agli avvocati con redditi inferiori ai 10.300 euro che fino a ieri erano esclusi dal pagamento dei contributi all'ente di categoria e quindi dalla relativa tutela previdenziale....

21/08/2014

Avvocati, ai contributi non si scappa

«È impossibile non pagare contributi previdenziali sul proprio lavoro. E' la legge che lo stabilisce. Cassa Forense, a chi guadagna meno di 10.300 euro l'anno, sta dando una cittadinanza...

20/08/2014

Cerchi lavoro? Cosa chiede il mercato

Operai specializzati cercasi (da produttori di caldaie a falegnami): sebbene quasi «introvabili», infatti, delle 77.600 assunzioni programmate il 38% riguarda proprio tali figure. Ma nel...

18/08/2014

Avvocati in cassa, c'è chi dice no

Dilaga la protesta contro i nuovi contributi previdenziali minimi per gli avvocati (circa 50 mila) che non arrivano a 10.300 euro di reddito, come previsto dal regolamento di Cassa Forense nei giorni...

18/08/2014

LA RIFORMA DEL LAVORO
5,00 €
LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE IN INTERNET
6,50 €
LA SABATINI BIS
6,00 €
LA LEGGE DI STABILITA'
6,00 €
ULTIMI QUESITI PUBBLICATI
Illegittimità del termine   -  25/8/2014
Norme | Help | Faq | Contattaci | Note sull'utilizzo dei dati
ItaliaOggi online© ItaliaOggi Partita IVA 08931350154