News
06/03/2013 10.48 | Tutte | Indietro
FacebooktwitterYahoo BookmarksLinkedin
TempoReale

Arrestato per corruzione il dirigente dell'Agenzia delle Dogane di Olbia

Arrestato per corruzione il dirigente dell'Agenzia delle Dogane di Olbia


Blitz questa mattina all'aeroporto Costa Smeralda di Olbia della Guardia di Finanza che ha arrestato il responsabile dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli dell'ufficio nello scalo gallurese. Nei confronti dell'uomo, Salvatore Siniscalchi, 60 anni, di origini campane, è stata eseguita un'ordinanza emessa dal giudice per le indagini preliminari di Tempio Pausania. L'uomo è ai domiciliari. Ci sono anche altri due indagati, che sono stati sospesi dal servizio: un secondo funzionario dell'Agenzia delle Dogane di Olbia e un dirigente della Geasar, la società di gestione dell'aeroporto gallurese.

Le indagini andavano avanti dalla scorsa estate, da quando sono iniziati degli accertamenti su porti e aeroporti del Nord Sardegna, cui erano poi seguite, a settembre, perquisizioni nelle abitazioni private e gli uffici direzionali dell'Aviazione generale. I reati che vengono contestati vanno dalla omissione di atti e controlli d'ufficio al fine di ricevere doni, anche in denaro, da parte dei facoltosi clienti dell'Aviazione generale, ma anche corruzione, concussione, peculato, truffa ai danni dello Stato, contrabbando aggravato, istigazione a delinquere, turbativa di pubblico servizio.

Per quanto riguarda Siniscalchi, è stata una verifica sugli straordinari dichiarati a far partire nel maggio scorso le indagini che hanno portato stamane agli arresti domiciliari del responsabile dell'Agenzia delle dogane di Olbia. La guardia di finanza ha verificato, infatti, che il funzionario non solo si faceva pagare dallo Stato straordinari mai lavorate, ma, in cambio di regali e denaro, ometteva controlli doganali nei confronti di vip in arrivo nello scalo di Olbia.

La Procura di Tempio, da un anno, ha avviato un'indagine sulle attività di controllo degli uffici doganali dell'aeroporto civile di Olbia, in particolare sulle ispezioni doganali nell'area riservata ai voli privati, dove atterrano e partono numerosi aerei dei vip che frequentano la Costa Smeralda. In queste ore le Fiamme Gialle hanno anche sequestrato circa 40mila euro in contanti al responsabile dell'Ufficio dell'agenzia delle dogane di Olbia: per i militari si tratterebbe di una somma frutto dei reati commessi.


Le News piu' commentate

Norme | Help | Faq | Contattaci | Note sull'utilizzo dei dati
ItaliaOggi online© ItaliaOggi Partita IVA 08931350154