News
23/04/2012 14.34 | Tutte | Indietro
FacebooktwitterYahoo BookmarksLinkedin
TempoReale

People.com.cn da 188 mln: raccolta per la quotazione tre volte oltre le stime

Di Alessio Odini
People.com.cn da 188 mln: raccolta per la quotazione tre volte oltre le stime


Molto più popolare del previsto. People.com.cn, il sito internet del Quotidiano del popolo, organo ufficiale del partito comunista cinese, ha raccolto fondi per 188 milioni di euro prima del suo esordio alla borsa di Shanghai. Un risultato tre volte al di sopra delle attese degli analisti, che avevano fissato la soglia a 63 milioni di euro.

Il prezzo definitivo del portale non è stato ancora fissato, ma si tratta comunque di un successo per il partito comunista cinese, che ha già deciso di destinare la metà dei fondi raccolti per migliorare i servizi del portale internet sul fronte mobile, in rapida crescita anche in Cina. Un altro quarto sarà destinato invece, secondo il sito de La Tribune, alla modernizzazione della piattaforma tecnologica del portale www.people.com.cn e la quota restante all'irrobustimento dell'equipe editoriale.

Il potenziamento delle strutture e della squadra di giornalisti e tecnici contribuirà a far salire la popolarità di people.com.cn fra gli internauti. Infatti, il sito oscilla oggi fra il 39° e il 42° posto in termini di audience internet, secondo la classifica stabilita dalla società specializzata Alexa, relativa ai portali d'informazione locali. Un posizionamento ben lontano dai principali concorrenti privati, che rispondono al nome di Sina e Sohu, rispettivamente al quarto e nono posto della classifica.

Il primo portale, in particolare, è molto noto anche alla cronache internazionali per il servizio di microblogging che mette a disposizione degli utenti, attraverso il quale prende corpo il dibattito democratico in Cina. A Sina, però, è stato imposto di impedire agli utenti di lasciare commenti dal sabato al martedì, dopo la spirale di indiscrezioni nata attorno alla deposizione di Bo Xilai, ex-segretario del partito comunista cinese di Chongqing al centro di una complicata vicenda in cui si intersecano interessi politici ed economici, nazionali ed esteri.

Stando a quanto scrive China real time report, blog dedicato alla realtà cinese del Wall Street Journal, il portale del Quotidiano del popolo, controllato direttamente dal governo, avrebbe realizzato il 13% del suo fatturato attraverso il ministero della finanza cinese e beneficerebbe di sgravi fiscali. Il giro d'affari del portale è cresciuto del 50% nel 2011 a 60 milioni di euro e gli utili, a loro volta, hanno fatto un balzo in avanti del 74% a 16,6 milioni di euro, secondo le informazioni divulgate da Xinhua, l'agenzia Nuova Cina. Anche quest'ultima, come il sito di Cctv, la tv nazionale cinese, fa parte di una ventina di realtà internet cinesi destinate a essere quotate alla borsa di Shanghai. L'intento è migliorare la propria visibilità agli occhi degli investitori e dell'opinione pubblica internazionale. In particolare, l'agenzia Nuova Cina avrebbe l'obiettivo di raccogliere fondi pari ad almeno un miliardo di yuan, pari a oltre 120 milioni di euro.

Norme | Help | Faq | Contattaci | Note sull'utilizzo dei dati
ItaliaOggi online© ItaliaOggi Partita IVA 08931350154